1

reliquia sacra costa cannobio

CANNOBIO - 04-01-2022 - E' della giornata di ieri l'ultimo confronto in Prefettura per mettere a punto le modalità con le quali Cannobio celebrerà i cinquecento anni del Miracolo della Santissima Pietà. Doveva essere un'occasione di fede e condivisione indimenticabile, sarà obbligatoriamente in versione ridotta a causa della pandemia. Soprattutto mancheranno quegli elementi che la tradizione popolare assegna alla festa: dalla convivialità ai lumini lungo le strade per accompagnare la processione, la popolazione è però invitata a esporre e luci su balconi e finestre.
Le celebrazioni inizieranno venerdì 7 gennaio, alle 20.30, in santuario, con la recita dei salmi penitenziali e delle litanie dei santi. Seguirà l’omelia del prevosto don Mauro Caglio e il canto del Vexilla Regis.
Il cuore della festa è sabato 8 gennaio, alle 17, in collegiata con la solenne messa presieduta dal Vescovo monsignor Franco Giulio Brambilla. L’accesso in collegiata sarà consentito solo con la mascherina FFP2. È inoltre prevista la diretta su TeleVco, trasmessa anche al Nuovo teatro e in streaming sul sito del Comune di Cannobio.
Seguirà la processione con la reliquia della Sacra Costa. Il percorso della processione si conclude in piazza Vittorio Emanuele III dove il Vescovo impartirà la benedizione alla popolazione e al lago. Solo il Vescovo, i sacerdoti e le autorità si recheranno in santuario per l’apertura della “porta santa”. Da quel momento sarà consentito l’accesso contingentato ai fedeli in santuario.
Domenica 9 gennaio le messe in santuario saranno celebrate alle 8.30, alle 9.45 e alle 11; quest’ultima, presieduta dal Vescovo, sarà seguita dall’intitolazione della piazza del santuario a monsignor Germano Zaccheo. Alle 15, il canto dei Vespri e il ritorno della reliquia in collegiata; dove alle 18 sarà celebrata la messa.

Foto: la reliquia della Sacra Costa