1

crego centrale crodo

CRODO - 22-03-2022 -- Le grandi centrali idroelettriche dell'Ossola sempre più come attrazioni turistiche. La loro storia centenaria e l'imponenza architettonica di queste strutture valorizzata grazie ad una serie di progetti di Enel. Si parte dalla centrale di Crego, Crodo, uno degli impianti italiani più rilevanti dal punto di vista storico e architettonico che si rinnova attraverso una nuova illuminazione. È stato infatti inaugurato il nuovo impianto realizzato da Enel X, alla presenza di Isidro Pescador Chamorro, responsabile Hydro Italia Enel Green Power, Francesco Bernardi, responsabile Hydro Area Nord Ovest Enel Green Power, Carlos Dodero, responsabile Architectural Lighting e-City di Enel X.
A illuminare la centrale un innovativo progetto orientato alla sostenibilità attraverso la sostituzione delle tecnologie tradizionali con tecnologie LED all’avanguardia.
Per tutelare l’arte decorativa e l’architettura di questa storica centrale, il concept illuminotecnico è basato su una proiezione diretta e perpendicolare delle superfici per valorizzare i caratteri stilistici, evitando ombre indesiderate sulle sue complesse geometrie. Un bagno uniforme di luce neutra riveste l’origine del ciclo energetico, il manufatto del bacino di carico, e le tre facciate esposte della centrale; le ampie finestrature risplendono di luce calda che rimarca gli intradossi e le modanature sommitali; una luce rossa viva illumina dall’interno le due grandi turbine, mentre le finestrature sommitali sono evidenziate dal colore blu ad indicare la distribuzione dell’energia prodotta. A collegare infine i due volumi, la lunga condotta idrica risplende ora di luce calda, con proiettori a radenza – che sono stati installati attraverso edilizia acrobatica - a rappresentare il flusso d’acqua che vi discende.
L’impianto della centrale si compone di 123 apparecchi LED di ultima generazione, per una potenza nominale pari a 2,5 kW, connessi sotto un unico sistema di controllo digitale che ne permette la gestione puntuale e mirata in accensione, spegnimento e dimmerazione, e la programmazione di scenari di luce temporizzabili e di effetti dinamici.
L’impianto realizzato garantisce anche un grande risparmio: i corpi illuminanti hanno infatti una durata maggiore di 100.000 ore (12 ore al giorno per oltre 20 anni).
“Con questo progetto abbiamo contribuito a esaltare e valorizzare la bellezza e tutti i particolari architettonici della centrale di Crego – ha commentato Carlos Dodero, Responsabile Architectural Lighting e-City di Enel X. La flessibilità del nuovo impianto di illuminazione permetterà di ricreare scenari di luce di grande impatto visivo ed emozionale per un patrimonio storico e architettonico d’eccezione. Inoltre, garantirà un forte risparmio non solo in termini energetici ma anche di manutenzione”.
Enel fa sapere che la valorizzazione della centrale idroelettrica di Crego è infatti solo un primo passo a cui seguirà, entro l’estate, il completamento dei lavori d’installazione di panchine di ricarica e-bike di fronte alla Centrale di Verampio, sempre nel Comune Crodo, presso la Centrale di Goglio e la presa Devero nel Comune di Baceno, e nelle vicinanze della Diga del Toggia nel Comune di Formazza. Inoltre la realizzazione di una nuova cartellonistica informativa con la descrizione storica degli impianti, contribuirà ulteriormente all’integrazione di questa strategica centrale Enel Green Power con il territorio che la ospita.