1

013

CEPPO MORELLI - 05-02-2022 -- Restituire lo splendore che merita alla Croce delle Teste, {a Ceppo Morelli. L'iniziativa nata dal sito amico de La Valle del Rosa, è stata portata a termine da un gruppetto di volenterosi. I fatti.
Con la nuova accensione del 4 febbraio, è stata data nuova luce e nuova veste alla croce votiva che dal colle in localita’ “teste” si affaccia sull’abitato di Ceppo Morelli.
Da ricerche storiche pare che la prima croce sia stata posata nel 1800 ed era realizzata in struttura lignea.
Con il passare degli anni il degrado della struttura trasformò la stessa in semplici ruderi che rimasero abbandonati a terra; della vecchia croce rimase solo il foro nella roccia di basamento.
una fine ingloriosa per ciò che, assieme al Pont Prea, era stato un simbolo per il paese.
Tutto questo fino ai primi anni '90 quando Piero Giordani, allora guardiano della diga Edison situata nei pressi della località in cui svettava la croce, per idea e volontà della moglie Rina, ne eresse una nuova.
La struttura, in ferro, fu opera della ditta Walter Vanoli che la donò interamente assieme al suo lavoro; il materiale edilizio per il basamento e rifiniture, fu fornito dall'impresa Pizzi Silvio di Calasca e per l'illuminazione si chiese ai ceppomorellesi di contribuire, e molti furono i donatori, così da vederla presto risaltare e poi mantenersi negli anni, per mano dell'amico Piero che più volte ha ricambiato luci e fatto la manutenzione.
Ma il tempo passa……. e negli ultimi anni era evidente lo stato di degrado in cui versava.
Ecco allora l’iniziativa degli amici de “La Valle del Rosa”: ridare nuova luce e nuova veste alla croce delle teste.
Riunione operativa e… detto fatto!
Rimosse le obsolete luci, una completa riverniciatura della struttura, pulizia del pianoro invaso dalla vegetazione, installazione del nuovo impianto luminoso a led a basso consumo energetico.
Ed eccola ora.... bella ed imponente, di nuovo illuminata nelle ore notturne la Croce di Ceppo Morelli che, dalla sua dominante posizione, sembra proteggere il paese.

QUI LA FOTOGALLERY